Questo sito si avvale di soli cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioni | Chiudi
Gioved 20 Giugno 2019
Parrocchia S.Stefano
di Osnago
...una comunità in cammino!
Mappa del Sito Corrispondenza
Home Parrocchia Gruppi Parrocchiali Oratorio Scuola Materna Cine-Teatro Link
SARAH & SALEEM - LA' DOVE NULLA E' POSSIBILE
Drammatico
di Muayad Alayan
con Adeeb Safadi, Sivane Kretchner, Ishai Golan, Maisa Abd Elhadi, Jan Kuhne
127 minuti - Palestina 2018

Dopo l'esordio di Amore, furti e altri guai, presentato al Festival di Berlino nel 2015 e arrivato nelle nostre sale l'anno successivo, il cineasta classe 1985 Muayad Alayan con Sarah e Saleem torna a raccontare la Gerusalemme divisa e il conflitto israelo-palestinese. Questa volta, per, lo fa con un approccio decisamente differente. Se infatti nell'opera prima il racconto delle molteplici disavventure di un ladro che cambiava vita in seguito al furto di una macchina si sviluppava nella direzione della commedia nera, in questo secondo lavoro il registro privilegiato quello drammatico. Come si vedr anche pi avanti nella nostra recensione di Sarah e Saleem, il pregio principale del film quello di riuscire a restituire con forza un convincente e coinvolgente spaccato della vita contemporanea a Gerusalemme, dominata e condizionata anche nei suoi aspetti pi privati dai laceranti contrasti politico-sociali. L'israeliana Sarah e il palestinese Saleem si incontrano per caso. Lei proprietaria di un bar a Gerusalemme Ovest e conduce una vita agiata insieme alla figlia Flora e al marito David, colonnello dell'esercito perlopi assente e concentrato sulla carriera militare; lui invece si trova in difficolt economiche e lavora come fattorino mentre cerca un appartamento da affittare a Gerusalemme Est per non continuare a vivere nella casa della famiglia della moglie Bisan, in attesa del loro primo figlio. Per motivi differenti Sarah e Saleem vivono un momento di crisi e, dopo essersi conosciuti durante le consegne di lui al bar di lei, iniziano a incontrarsi di notte dando luogo a una relazione che si consuma di nascosto nel furgone dell'uomo. Il loro rapporto deve necessariamente rimanere clandestino non solo perch extraconiugale, ma anche in quanto destinato a creare scandalo poich frutto dell'attrazione fisica tra un palestinese e un israeliano. Quando una sera l'uomo e la donna si recano in un locale di Betlemme e Sarah viene riconosciuta come israeliana da una persona del luogo, per, le loro vite cambiano all'improvviso: i due, a seguito di una serie di sfortunate e imprevedibili coincidenze, si ritroveranno in una situazione pi grande di loro che vedr coinvolti gli intelligence palestinese e israeliano. Coadiuvato dal fratello Rami Musa Alayan in fase di scrittura della sceneggiatura, il palestinese Muayad Alayan costruisce un racconto avvincente che si muove in modo molto efficace a cavallo tra dramma familiare e socio-politico, senza mai cedere a caratterizzazioni didascaliche o banali semplificazioni, capace di far riflettere lo spettatore sulle molteplici implicazioni che le apparentemente insanabili tensioni tra israeliani e palestinesi possono avere sulle vite degli abitanti di Gerusalemme. Anche grazie all'intelligente ricorso a una struttura circolare che copre esattamente la prima met del film e a una solida regia minimalista, ci si appassiona dal primo all'ultimo minuto alle vicende che scorrono sullo schermo e alle traiettorie psicologiche dei personaggi principali, tratteggiati senza pregiudizi nella loro fragile umanit e interpretati in maniera genuina da Adeeb Safadi (Saleem), Sivane Kretchner (Sarah), Ishai Golan (David) e Maisa Abd Elhadi (Bisan). Del cast di livello fa parte anche Kamel El Basha, vincitore due anni fa della Coppa Volpi come migliore attore al Festival di Venezia per l'ottimo L'insulto di Ziad Doueiri, qui nei panni di un uomo dello spionaggio palestinese.
Luca Ottocento (Movieplayer.it)
 Versione Stampabile 
 Invia questa pagina 
Area Riservata | Privacy | Cookies Policy | Regolamentazione
Parrocchia Santo Stefano | Via S.Anna, 1 | 23875 Osnago (LC) | Tel. e Fax 039 58129 | Codice Fiscale 85001710137
Sala Cine-Teatro don G.Sironi Tel. 039 58093 - 349 6628908