Questo sito si avvale di soli cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioni | Chiudi
Sabato 11 Luglio 2020
Parrocchia S.Stefano
di Osnago
...una comunità in cammino!
Mappa del Sito Corrispondenza
Home Parrocchia Gruppi Parrocchiali Oratorio Scuola Materna Cine-Teatro Link
Casa Parrocchiale
Chiesa Parrocchiale
Santuario
Centro Parrocchiale
Scuola Materna
Casa di Accoglienza
Circolo Parrocchiale
Edicole alla Madonna

Chiesa Parrocchiale di S.Stefano

Breve cronistoria


La chiesa originaria, già esistente nel 1500, aveva, come era tradizione generale, l’abside rivolto ad oriente per cui la facciata guardava verso occidente (dove è l’attuale via S.Anna).
Il campanile nella stessa posizione attuale ed era in linea con la facciata della chiesa. Essendo essa più arretrata,c’era lo spazio per una piccola piazza (il sagrato).

In una mappa del 1721 si presenta così:


La chiesa, salvo la costruzione di alcuni ossari (i morti venivano sepolti sotto la chiesa o nelle vicinanze), rimane così fino al 1770.
Il 17 novembre 1770 il parroco Giuseppe Redaelli e il conte Benedetto Arese Lucini posarono la prima pietra della nuova chiesa.
Essa occupave lo stesso spazio dell’attuale, tuttavia le facciata veniva posta verso oriente mentre, verso occidente, veniva costruito un abside molto più ampio che andava a occupare parte del vecchio sagrato.
L’architetto era Giulio Galliozi, autore di molte chiese in lombardia.
Egli progettò un’aula unica composta da:
  • Navata (ad uso dei fedeli), quasi perfettamente quadrata,coperta da una cupola a tazza rovesciata
  • Presbiterio (ad uso dei celebranti) con l’altare.
  • Abside del coro.

Lo sviluppo in lunghezza è di 31.20 metri, in larghezza di 14 metri, in altezza 18 metri. Su ciascun lato della navata si aprono due cappelle con altari.

Gli affreschi della volta (martirio di S.Stefano al centro – Le Virtù nei pennacchi) vennero eseguiti dal celebre pittore Federico Ferrario nel 1776.

La cappelle laterali sono così dedicate:
  • Prima a destra entrando: cappella De Capitani da Vimercate, anticamente dedicata a S. biagio. L’altare ha un paliotto (la parte anteriore) lavorato a scagliola (impasto di gesso colorato). Sopra l’altare c’è una pala (Grande quadro) che rappresenta la Madonna col Bambino e i santi Rocco e Severino (autore il pittore ----------). E’ un deposito della pinacoteca di brera e proviene da S.Severino Marche.
  • Prima a sinistra entrando: Cappella lucini arese. Dedicata a S.Francesco. Sopra l’altare c’è un importante pala dipinta da ortensio crespi nel 1605 rappresentante le stimmate di S.Francesco. La pala fu decorata dalla cosa Lucini.
  • Seconda a destra entrando: Cappella del sacro cuore. Comprende il gruppo scultoreo Cristo morto e madonna addolorata (fine ‘700) e la pala “Deposizione della Croce” di Ippolito Scarsella detto “lo scarsellino”. In deposito dalla Pinacoteca di Brera.
  • Seconda a sinistra entrando: Cappella dell’Assunta. In una teca sopra l’altare è  custodita una preziosa statua in legno del 1643 circa che rappresenta l’assunta fra gli angeli.

Nella parte alta delle pareti laterali sono scavate quattro nicchie dove stanno le statue in stucco dei quattro evangelisti.

L’altare maggiore nel presbiterio è quello originario del 1700 ma è stato trasferito in base alle recenti disposizioni conciliari. (la mensa rivolta ai fedeli).

Sull’arco trionfale che divide la navata dal presbiterio c’è un grande crocifisso di legno del 1700.

Il paliotto dell’altare riproduce in bronzo l’ultima cena di Leonardo (inizio ‘900). Il coro ligneo dietro all’altare è del 1600.

Alle pareti dell’abside stanno due grandi quadri in deposito dalla Pinacoteca di Brera: La Deposizione dalla Croce di Giulio ------- (1607)
Il Martirio di Santa Eufemia di Donato Creti (1735)
Tutti i quadri della pinacoteca sono arrivati nel 1815 circa.

In sacrestia c’è un imponente mobile di sacrestia realizzato attorno al 1700 da Giovanni Quadrio.

Il campanile è alto 36 metri e dispone di 5 campane.

Prima dei recenti restauri, ci fu un restauro all’inizio del 1900. In tale occasione il pittore Angelo ------- aveva dipinto otto ovali con volti di santi tutt’attorno all’affresco del martirio di S.Stefano. Nel successivo restauro del 1960 questi dipinti furono coperti.

Durante gli scavi attuali per la realizzare l’impianto di riscaldamento sotto il pavimento, sono state trovate numerose tombe vuote e molte ossa sparse risalenti ai tempi in cui si usava seppellire, soprattutto i parroci, nella chiesa stessa.

Il grande organo è dell’inizio ‘800.

Autore del testo
Fabrizio Mavero
 Versione Stampabile 
 Invia questa pagina 
 Commenta questa pagina 
Area Riservata | Privacy | Cookies Policy | Regolamentazione
Parrocchia Santo Stefano | Via S.Anna, 1 | 23875 Osnago (LC) | Tel. e Fax 039 58129 | Codice Fiscale 85001710137
Sala Cine-Teatro don G.Sironi Tel. 039 58093 - 349 6628908