Questo sito si avvale di soli cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioni | Chiudi
Mercoled 23 Ottobre 2019
Parrocchia S.Stefano
di Osnago
...una comunità in cammino!
Mappa del Sito Corrispondenza
Home Parrocchia Gruppi Parrocchiali Oratorio Scuola Materna Cine-Teatro Link

La Madonna del Colombaio

...la Madonna del Colombaio.

L dove un ridente poggio scende degradante verso lesigua stradicciola; l dove, fra la quiete di campi rigogliosi, giunge tuttavia ben percettibile lo sferragliare del treno sopra le rotaie della ferrovia; l dove boschi ormai incolti rappresentano le vestigia di verdeggianti terrazzi un tempo coltivati a grano, a frutteto e a grandi alberi decidui; l dunque si erge modesto e un poco appartato il tempietto della Madonnina del Colombaio.

E l da tempo immemorabile. I nostri contadini dun tempo amavano onorare nei pressi delle proprie abitazioni soprattutto il simulacro della Madonna. Le affidavano le gioie e le peripezie della vita quotidiana affinch vigilasse protettrice e propizia nei loro confronti.
Cos, anche al Colombaio, la Madonna vegli familiarmente ... da sempre.

Dapprima fu una semplice costruzione con laffresco della Vergine del Rosario.
Chi ha vissuto o vive ancor oggi al Colombaio ben ricorda che la sera vi si recitavano appunto il Rosario e le Orazioni: tutti insieme, devotamente, grandi e piccini.

Pi tardi, alla conclusione della Peregrinatio Mariae che fra il 1953 e il 1954 tocc ogni luogo abitato del nostro paese, i Colombaiesi pensarono di ristrutturare il tempietto e di custodirvi una statua della Madonna.
La scelta cadde sul simulacro della Vergine apparsa ai tre pastorelli di Fatima.
I nativi e i residenti del posto non allentano ancor oggi il legame affettivo con la loro Madonna. N testimone il sempreverde alloro che ne affianca il tempietto a cui dedicano costante manutenzione e devota custodia.

Ma c di pi. Vi fanno capo, sia nella bella sia nella brutta stagione, numerosi nonni e genitori che vi accompagnano i piccini durante le quotidiane escursioni tra il verde. In effetti, la stradina medesima che, tra i boschi, conduce al Colombaio assai fresca destate e ben soleggiata nella stagione invernale in cui gli alberi a foglie caduche consentono ottima luminosit e tepore ideale per farvi sostare e passeggiare grandi e piccini. Ed pur bello e confortevole avvertire in quei momenti il mormorio di semplici preghiere e lindirizzo di innocenti manifestazioni daffetto alla sorridente effigie della Madre Celeste.

Il 15 maggio 1998, per la prima volta in assoluto, il nuovo parroco Don Giovanni Rigamonti ha celebrato l presso la Santa Messa. Per loccasione era circondato da copiosa folla di fedeli convenuti dallintero paese.
Va tuttavia annotato che per la maggior parte di essi risultava quasi sconosciuta lesistenza della Madonnina del Colombaio.
Da allora si arricch dunque per tutti un angolo di religiosit a cui dedicare omaggio di fede e di devozione. Ma soprattutto, in quelloccasione, stato evidenziato un segno di gratitudine e di riconoscenza alla Madonna da parte di una persona nata e cresciuta in quellambiente. Un cuoricino dargento resta ora a testimoniare una grazia ricevuta proprio per intercessione di quella discreta e silenziosa Madonnina: la ragazza era uscita indenne da un grave incidente stradale.

E c fra laltro, quasi sempre, anche qualche cero ardente ai piedi del tempietto; l dove spicca significativo e fervido quellimpareggiabile e devoto saluto: AVE MARIA!

- scritto nell'anno 1999 -

Autore del testo

Alfredo Ripamonti
Galleria Immagini
visita anche la galleria completa...  Madonnine
nessuna immagine presente in questa sezione
 Versione Stampabile 
 Invia questa pagina 
 Commenta questa pagina 
Area Riservata | Privacy | Cookies Policy | Regolamentazione
Parrocchia Santo Stefano | Via S.Anna, 1 | 23875 Osnago (LC) | Tel. e Fax 039 58129 | Codice Fiscale 85001710137
Sala Cine-Teatro don G.Sironi Tel. 039 58093 - 349 6628908